Parcheggiatori abusivi e merce taroccata, Fdi: Zedda chiude gli occhi

Dopo l’ultimo caso denunciato da Casteddu Online


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Parcheggiatori abusivi? Dopo l’ultimo caso denunciato oggi da Casteddu Online, in campo il centrodestra. “E’ un problema che né la giunte di centrodestra né tantomeno l’attuale sta riuscendo ad affrontare ma il pericolo è che andando avanti così la situazione degeneri in una triste guerra tra poveri”, dichiarano Salvatore Deidda, portavoce regionale dei Fratelli d’Italia e Paolo Truzzu, portavoce provinciale di Cagliari, ricordando che è dai tempi in cui esisteva Alleanza Nazionale, che si chiede al Comune di Cagliari di investire del problema il Comitato Provinciale di pubblica sicurezza. 

“Non si sono solo i parcheggiatori abusivi ma oggi vediamo aumentare i venditori di merce taroccata, gli immigrati clochard che nel Largo Carlo Felice, Via Roma e ora pure nel Corso Vittorio Emanuele, si dedicano a fermare le persone per chiedere l’elemosina”, continuano gli esponenti di FDI-  “I commercianti lo chiedono a gran voce: il commercio abusivo ci danneggia. Se decidessero anche loro di esporre la loro merce per strada, senza emettere scontrini avrebbero lo stesso trattamento? Non basta ritirare la merce e multare il venditore abusivo. Da dove arriva la merce in vendita?”.   Consulta degli Immigrati? “A cosa serva la Consulta degli immigrati, creata in fretta e furia da questa amministrazione, se non offre rimedi per questa situazione e neanche media tra immigrati e amministrazione. Cosa serve? Lo dico io: uno spot pubblicitario, per mostrare un integrazione che esiste in minima parte e poter far dire a questa amministrazione di aver fatto passi da gigante. Niente di più vero. Chiederemo un incontro con la Presidente per esporle le nostre proposte, come in passato abbiamo avviato un dialogo col portavoce della Comunità Musulmana di Cagliari.   L’amministrazione Zedda, considerato che veniva da vent’anni di opposizione, avrebbe dovuto attuare una politica diversa dalle precedenti amministrazioni perché il chiudere gli occhi e far finta che tutto vada bene non è reale integrazione ma è semplicemente l’anarchia, sperando che non accada niente di grave. Non si da nessuna risposta alla richiesta di legalità da parte dei cittadini cagliaritani che, da sempre, hanno sempre dimostrato tolleranza e rispetto per gli immigrati”.