Opere pubbliche e mobilità: “Ecco cosa stiamo facendo per la città”

Il capogruppo del Pd a Cagliari, Davide Carta, risponde al consigliere Enrico Lobina: “La tua pagella comunale non è attendibile visto le tue assenze in Consiglio e nelle commissioni”

Un “non classificato” nel governo della città per la Giunta Zedda? Il capogruppo del Pd, Davide Carta non ci sta, e risponde per le rime al consigliere Enrico Lobina, che proprio ieri, in un’intervista per Casteddu Online, aveva definito Zedda e i suoi assessori “incapaci di governare la città”, elencando una serie di criticità e mancanze della macchina amministrativa. “Forse un po’ più di presenze ed attenzione in Consiglio e nelle commissioni ti avrebbero permesso di cogliere un’altra lettura dei risultati dell’amministrazione  – risponde Davide Carta – a dire il vero negli ultimi tempi ti abbiamo visto per così dire ‘distratto’ da molte altre cose. Perché, sai, le pagelle comunali hanno come primo elemento di attendibilità il fatto che il loro compilatore sia credibile sul piano delle presenze alle assemblee e del contributo offerto. Non sono certo, francamente, che in questo caso possiamo parlare di impeccabilità”.

E poi risponde punto per punto alle “imprecisioni” di Lobina. “È vero che sono aumentati i tributi locali – spiega Carta – ma ti sfugge il fatto che sono aumentati in tutti i comuni d’Italia per effetto delle manovre di finanza nazionale. Un’altra delle cose che mi pare ti sia del tutto sfuggita, è che abbiamo aumentato i servizi, in primo luogo per far fronte all’emergenza del bisogno, raddoppiando letteralmente la dotazione di risorse per far fronte alle difficoltà delle famiglie. Ti volevo inoltre ricordare, che le servitù militari dismesse, non sono nella disponibilità del patrimonio comunale perché la Giunta Cappellacci non ha compiuto gli atti necessari. Stiamo però dialogando con la Giunta Pigliaru per fare questo passaggio. Sui lavori pubblici credo che non si possa parlare di ordinaria amministrazione. Le opere pubbliche nel preventivo 2015-2017 ammontano a circa 287 milioni di euro e il valore degli interventi in attuazione è pari a circa 160 milioni di euro: 119 in fase di realizzazione e 41 in programma dal 2015. Sono state coinvolte 2495 imprese tra le quali 1437 locali. E quanto alla mobilità siamo ormai al’ 11° posto per mobilità sostenibile, con un fortissimo investimento sul trasporto pubblico locale, con le rotatorie e la mobilità sostenibile e ciclabile che ci ha permesso in questi anni di ridurre da 84 a 48 milioni di euro i costi sociali per gli incidenti stradali a Cagliari. Abbiamo triplicato quest’anno il contributo fitto alloggi per le famiglie, ma ancora una volta propendo per l’ipotesi che la tua mancata conoscenza di questi atti sia dovuta alla tua assenza in aula durante l’approvazione dell’assestamento di bilancio. Stiamo lavorando per istituire un’ Agenzia sociale per la casa, nell’ottica di costruire una nuova politica dell’abitare sociale. Quanto all’housing sociale stiamo dialogando col Fondo Torre per realizzare da 100 a 200 nuovi appartamenti utilizzando le aree del comune del Mercato di via Po. La discussione procede e speriamo che si possa perfezionare entro l’anno. Stiamo portando avanti la realizzazione di 32 nuovi alloggi ERP in via Flumentepido e 40 di edilizia agevolata in via Donizetti. Stiamo realizzando interventi straordinari per Edilizia ERP a S. Elia, Santa Teresa, Is Mirrionis e San Michele. Quanto alle politiche di sviluppo concordo con te che anche il Comune può fare molto: il rifacimento dell’arredo delle piazze e vie commerciali del centro permetterà di favorire la crescita delle attività commerciali, sul turismo abbiamo aumentato le presenze, anche grazie all’accordo con i comuni di Villasmimius e Pula, realizzando una politica di sistema, di area vasta. Quanto alla cultura credo che si debba partire da un uso diverso degli spazi pubblici tornati nella disponibilità comunale, l’Auditorium di Piazzetta Dettori dove ora tutte le organizzazioni possono fare iniziative a bassi costi, Il Palazzo di Città nel quale si alternano mostre tutto l’anno, alle biblioteche ed alla MEM sempre più aperti al pubblico e con un numero di presenze crescenti. Sul piano dei rifiuti abbiamo fatto un progetto di sistema di raccolta porta a porta che purtroppo, non per responsabilità del Comune, ha visto una gara non andare a buon fine, ma la bandiremo nuovamente al più presto. Stiamo lavorando per realizzare tre ecocentri che sono la base del nuovo sistema di raccolta”.


In questo articolo: