Obiettivo normalità: escursione, cultura e natura per un gruppo di disabili cagliaritani

Gita organizzata dall’Anmic, l’associazione di mutilati e invalidi civili di Cagliari, all’Oasi del Cervo e della Luna nella riserva di Monte Arcosu. Obiettivo del progetto, abbattere le barriere fisiche e culturali e dare l’opportunità di vivere in autonomia un’esperienza positiva di svago

Una scorpacciata di natura e socialità, immersi in scenari di grande bellezza. L’indimenticabile giornata è stata regalata a 20 disabili che hanno potuto così relazionarsi, stringere amicizie e scoprire realtà nuove, dall’iniziativa della sede ANMIC (Associazione italiana mutilati e invalidi civili) di Cagliari, in collaborazione con la Fondazione Domus de Luna e la Cooperativa dei buoni e dei cattivi. Un’escursione inclusiva, ed esclusiva, all’Oasi del cervo e della luna, nella Riserva di Monte Arcosu, l’area naturale protetta all’interno del parco di Gutturru Mannu, di proprietà del WWF. L’esperienza della guida e della squadra di supporto dell’Oasi e il sostegno organizzativo dell’ANMIC Cagliari hanno consentito di studiare e pianificare un itinerario ad hoc, senza ostacoli e abbattendo così quelle barriere fisiche e culturali che circondano la disabilità, soprattutto quando si parla di viaggi ed escursioni. L’obiettivo del progetto è stato, in sintesi, quello di dare l’opportunità di vivere in autonomia un’esperienza positiva di svago e di socialità e contribuire ad alleviare il carico familiare.

Alla fine del percorso, tutti a tavola in allegria. “Questa giornata è stata bella perché siamo all’aria aperta, ci relazioniamo con gli altri, ci conosciamo e facciamo amicizia” commenta Carola, una delle partecipanti. “E’ stata un’iniziativa interessante, che spero si ripeta spesso” aggiunge Michelangelo. Enrica, col sorriso stampato sul viso, conferma: “E’ stata un’iniziativa piacevole ed è stato bello stare con tanti amici”.

L’ANMIC, che dal 1956 opera quotidianamente in prima linea per tutelare e rappresentare gli invalidi civili, è consapevole delle enormi difficoltà che quotidianamente le persone con disabilità sono costrette ad affrontare. Prenotare strutture inclusive e trovare mete accoglienti è molto spesso talmente difficile e dispendioso che porta a soprassedere. L’obiettivo che ANMIC Cagliari ha più a cuore, infatti, è quello di eliminare tutti quegli ostacoli che portano l’invalido a sentirsi in qualunque modo diverso e escluso da qualsivoglia occasione di vita e socialità.

 

 


In questo articolo: