La tragedia sulla strada verso casa, così è morto Pierluigi Carboni

L’uomo rimasto ucciso nell’incidente di oggi pomeriggio sulla 131 era un allevatore di Tramatza. I soccorsi hanno tentato di salvarlo, ma non c’è stato nulla da fare.

Ad ucciderlo sul colpo è stato uno schianto terribile. La violenza dell’impatto non ha lasciato alcuna possibilità di sopravvivere ad un allevatore di Tramatza, vittima di un incidente sulla strada statale 131.

La tragedia si è verificata oggi pomeriggio al chilometro 102,500, quando Pierluigi Carboni, 35 anni, è finito con la sua auto contro lo spartitraffico. Si trovava alla guida della sua Ford Fiesta e viaggiava in direzione nord diretto proprio a Tramatza, di cui era originario.

La sua auto – secondo quanto accertato dalla polizia stradale di Oristano – è stata tamponata da un furgone Fiat Ducato, ha strisciato prima contro la barriera stradale di metallo sulla sua destra e poi si è andata a schiantare contro il muretto in cemento armato che divide le carreggiate, con il Ducato che ha sfondato tutta la parte posteriore della vettura.

La vittima probabilmente non indossava la cintura di sicurezza ed è stata sbalzata contro il parabrezza sul lato passeggero: Carboni, una volta estratto dall’auto accartocciata dai vigili del fuoco, è stato sottoposto alle manovre rianimatorie dai sanitari del 118, ma ogni tentativo di strapparlo alla morte si è rivelato inutile. Le indagini per ricostruire con precisione la dinamica dell’incidente proseguono.