Giovane colpito da sepsi da meningococco: “Situazione sotto controllo, paziente in netto miglioramento”

Nelle scorse ore l’Istituto di Igiene dell’Università di Sassari ha isolato il ceppo del meningococco che ha causato la Sepsi al giovane: si tratta del sierotipo Y. La Ats sta avviando le procedure per offrire gratuitamente alla popolazione di età compresa tra i 0 e 18 anni, e residente nel paese dell’uomo colpito da sepsi, il vaccino contro le infezioni da meningococco.Ecco i dettagli

In merito al caso di sepsi da meningococco verificatosi il 6 marzo scorso in un comune della Gallura, la Ats-Assl Olbia comunica che la situazione è sotto controllo e in queste ore si è conclusa la sorveglianza sanitaria sui contatti stretti del paziente.

Sin dall’immediatezza del ricovero dell’uomo prima nell’ospedale di Tempio Pausania e poi nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Santissima Annunziata di Sassari, infatti, il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Ats – Assl Olbia aveva attivato l’indagine epidemiologica e la sorveglianza sanitaria dei contatti stretti del paziente: sorveglianza che, grazie alla tempestività della sua attivazione e alla profilassi, si è conclusa con esito negativo (quindi senza la notifica di secondi casi).

Nelle scorse ore l’Istituto di Igiene dell’Università di Sassari ha isolato il ceppo del meningococco che ha causato la Sepsi: si tratta del sierotipo Y.

In seguito alla risultanza degli esami di Laboratorio, la Ats sta avviando le procedure per offrire gratuitamente alla popolazione di età compresa tra i 0 e 18 anni, e residente nel paese dell’uomo colpito da sepsi, il vaccino quadrivalente contro le infezioni da meningococco A, C, Y, W135: ulteriori informazioni verranno a breve fornite dagli uffici territoriali del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Ats.

Si precisa inoltre che le condizioni di salute dell’uomo sono ad oggi in netto miglioramento.