Giocattoli e materiali elettrici pericolosi: sequestri a Quartu e Sanluri

Blitz delle fiamme gialle nel Sud Sardegna: operazioni a Quartu, Sanluri, nella Trexenta e nel basso Sulcis, In vendita giochi, accessori e articoli elettronici privi di marchio Ce e delle istruzioni in italiano. Per i responsabili sanzioni da 10 mila euro

Maxi operazione della Guardia di Finanza: controlli in materia di sicurezza prodotti e contrasto all’abusivismo commerciale. Sequestrati oltre mille e 200 articoli. Quattro in tutto gli interventi, nell’ambito del contrasto della commercializzazione di prodotti non sicuri e dell’ abusivismo commerciale, effettuati dalle fiamme gialle del nucleo di polizia economica e finanziaria di Cagliari e delle tenenze di Iglesias e Sanluri.

Nel primo controllo, effettuato presso un negozio del basso Sulcis, i finanzieri di Iglesias hanno riscontrato che la merce veniva venduta in violazione delle norme contenute nel codice del consumo: i militari hanno infatti rinvenuto 227 giocattoli privi della corretta etichettatura e della previste indicazioni caratterizzanti i prodotti sicuri.

Nel secondo, negozio a Sanluri trovati 184 articoli elettrici privi del marchio “Ce”.  Sempre le fiamme gialle di Sanluri, in una località della Trexenta, hanno eseguito, presso un attività commerciale, un controllo che ha portato al sequestro di 92 articoli di materiale elettrico e 139 giocattoli, tutti privi del marchio “Ce” e delle istruzioni in lingua italiana.

L’ultimo intervento a Quartu: 611 articoli tra giocattoli ed  accessori, tutti privi di marchio “Ce”. I prodotti rinvenuti sono stati sottoposti a sequestro e per i responsabili delle attività commerciali sono scattate  sanzioni pecuniarie  fino ad un massimo di 10 mila euro.