Genitori positivi mandano lo stesso il figlio a scuola, un’intera classe in quarantena a Ussana

Il piccolo potrebbe esser stato contagiato dai genitori, la dirigente scolastica della scuola primaria ha subito informato il sindaco Emidio Contini: “Diciotto bimbi e le loro famiglie in isolamento per colpa dell’irresponsabilità di qualcuno, forse non è chiaro che siamo ancora in guerra contro il Covid”

Loro, una coppia di Ussana, positivi, il figlio in attesa del tampone. Ma, nonostante l’ombra del contagio, hanno deciso lo stesso di mandarlo a scuola. Così, un’intera classe dell’istituto primario del paese, formata da 18 alunni, e le loro famiglie, sono state messe in quarantena. Stamattina la preside, appena scoperto il caso sospetto, ha svolto tutta una serie di verifiche e poi ha avvisato il sindaco Emidio Contini. Per tutti i piccoli e i genitori bisognerà attendere l’esito del tampone. L’ira del primo cittadino è tanta: “C’è un sentimento di rabbia in tutto il paese, dopo quasi due anni dall’inizio della pandemia è impensabile che possano esistere ancora persone irresponsabili. Forse a qualcuno non è chiaro che siamo ancora in guerra contro il virus”, dice il primo cittadino a Casteddu Online. “Mi auguro vivamente che sia il piccolo che gli altri alunni e i rispettivi genitori risultino negativi, in caso contrario sarebbe un grosso problema. La gente si è forse scordata che appena un mese fa abbiamo pianto l’ultima vittima del Covid a Ussana?”.

 

Da oggi, quindi, sino all’esito dei tamponi, diciotto bimbi a casa con mamma e papà: “Ho fatto di tutto, a partire da ordinanze ben chiare, per cercare di arginare i contagi. Ma non posso fare molto quando si deve avere a che fare con l’irresponsabilità dei singoli”.