Furti nella sede della Acli a Decimomannu, sospeso il servizio di raccolta e distribuzione degli abiti usati

Il progetto di raccolta, riassetto e ridistribuzione di indumenti usati attivo dal 2015 a Decimomannu e Cagliari è stato sospeso a causa di una serie di furti nella sede di via Aldo Moro dove operano i volontari.

Non c’era riuscita la Pandemia, ci sono riusciti una serie di furti. Il progetto Abitiamo il riciclo, che dal 2015 si occupa di raccogliere, rimettere a posto e ridistribuire indumenti usati a chiunque ne avesse bisogno nell’area metropolitana e non solo, è costretto a fermarsi. 

Si tratta di uno stop temporaneo dovuto al fatto che nello stabile di via Aldo Moro a Decimomannu, sede del laboratorio dove i volontari del progetto targato Acli si occupano di trattare gli abiti donati, ha subito una serie di furti. 

“In particolare, a rendere impossibile proseguire è stata la sparizione di una coppia di lavatrici, fondamentali per portare avanti la nostra attività quotidiana – spiega il presidente di Acli Cagliari Giacomo Carta –. Abbiamo denunciato i fatti ai Carabinieri e stiamo lavorando per ripartire ma intanto vogliamo chiedere maggiore attenzione alle istituzioni. Siamo consapevoli del fatto che la situazione non sia semplice e che la crisi dovuta al Covid stia colpendo duramente la popolazione. Allo stesso tempo non possiamo accettare né giustificare quei singoli che con i loro atti, impediscono di proseguire un’attività sociale di supporto per tanti”.  

Le Acli provinciali renderanno noto sui propri canali quando sarà possibile la ripresa del progetto.


In questo articolo: