Evasione totale da oltre 400 mila euro, nei guai i proprietari di un hotel del Sulcis

La società era sconosciuta al fisco: tasse mai pagate dal 2014 al 2018. Nell’albergo trovati anche due lavoratori in nero

Le Fiamme Gialle  di Iglesias hanno concluso un’attività di verifica condotta nei confronti di una società titolare di un albergo del Sulcis (la cui identità non è stata resa nota), rivelatasi sconosciuta al Fisco e quindi “evasore totale”, per gli anni dal 2014 al 2018.

La ricostruzione del volume d’affari è stata possibile attraverso l’esame della documentazione contabile, sia mediante ricostruzioni basate sui consumi dell’energia elettrica addebitati.

E’ emerso che i ricavi documentati dalla società fossero non proporzionali agli specifici consumi di energia elettrica. L’impresa, oltre ad aver omesso la regolare istituzione e conservazione delle scritture contabili previste, ha occultato ricavi per 411 mila 499 euro, con una conseguente evasione Iva di 41 mila 150 euro.

Trovati anche 2 lavoratori in “nero” (e pagati in contanti), intenti a svolgere le proprie mansioni presso l’hotel.  Per l’impiego di lavoratori “in nero” è scattata una sanzione compresa tra un minimo di 1.800 euro e un massimo di 10.800 euro per ogni dipendente, mentre per le retribuzioni elargite in contanti (la sanzione oscilla tra un minimo di 1.000 ed un massimo di 5.000 euro per ogni pagamento effettuato).


In questo articolo: