Capoterra, scontro su corso Gramsci: “Non servono multe selvagge”

Dibattito in consiglio comunale a Capoterra sulla strada che un tempo era la passeggiata del paese, e dove stanno finalmente nascendo nuove attività in tempi di crisi

Basteranno un pub e un nuovo supermercato per rilanciare il corso Gramsci, la vecchia passeggiata dei capoterresi? La strada dei negozi che adesso annaspano nella crisi, e non certo per colpadei negozianti. Oggi sull'annosoproblema del traffico a Capoterra c'èstato un acceso dibattito in consiglio comunale. Christian Ruiu, capogruppo del Psi, ha incalzato così il sindaco Dessì: "Sindaco mi dispiace l'assenza dell'assessore Marras che è il responsabile del settore traffico e viabilità, quindi riverso a lei questa importantissima interrogazione, per fare luce sulla situazione del centro storico e dell'isola pedonale. può anche essere apprezzabile il primo obbiettivo di segnare un'area pedonale sul corso Gramsci ma a mio avviso è completamente fallita la sua regolamentazione. si tratta di evitare che la politica di gestione del centro non si basi sulle multe ma si basi su una regolamentazione decisa sull'area dedicata ai pedoni e sopratutto scongiurare qualsiasi incidente dovuto alla carenza di dissuasori e allla presenza di barriere architettoniche. ridiamo subito diritto a camminare con sicurezza alla gente nel cuore del paese. facciamo in modo che tale diritto venga rispettato 24 ore su 24 e ridiamo decoro al percorso pedonale, che è il carburante per tutte le attività produttive ed i negozi che sono presenti in corso  gramsci, tra i quali due grandi nuove attività che cercano di rivitalizzare il centro del paese".  


In questo articolo: