Cagliari, troppo baccano tra Marina e Corso: “La movida del futuro in viale Buoncammino”

L’idea è del capogruppo Psd’Az in consiglio comunale Roberto Mura: trasferire nella storica passeggiata di Castello accanto all’ex carcere una quota di movida per dare respiro al centro storico cittadino ormai saturo di bar e locali

In una zona suggestiva della città e con un panorama mozzafiato. In pieno centro, ma lontano dalle abitazioni e con un grande contenitore come l’ex carcere tutto da valorizzare: “viale Buoncammino ha le carte in regola per ospitare la movida del futuro in città”.

L’idea è del capogruppo Psd’Az in consiglio comunale Roberto Mura: trasferire nella storica passeggiata di Castello, una quota di vita notturna che appesantisce il centro storico cittadino. Proprio oggi è partita la discussione in commissione Urbanistica sul piano di inquinamento acustico. L’ultima versione del documento fotografa una grave situazione di baccano notturno nella zona della Marina e tra il corso Vittorio Emanuele II e piazza Yenne.

La commissione ha ripreso in mano le carte e prova a fare una sintesi tra le esigenze lavorative del mondo dei ristoranti e dei locali e quelle legate al riposo dei residenti dei vecchi quartieri. “Non sarà facile, ma l’importante è partire”, annuncia Mura, “e noi dobbiamo agevolare il dialogo. I margini per un accordo ci sono, di sicuro sarà importante anche agire sul commercio e trasformare zone della città oggi abbandonate in spazi alternativi per la movida. Uno di questi è di sicuro viale Buoncammino”.

Il Comune ha in man anche un altro progetto: trasferire una quota di vita notturna nella zona tra Su Siccu, l’area della vecchia Fiera e la pineta di Bonaria. Il progetto rientra nel piano più vasto stabilito dal Comune che rivoluzionerà il water front cittadino da Giorgino alla spiaggia dei Centomila e si affianca ai progetti di riqualificazione del nuovo distretto velico in realizzazione a Marina Piccola e del nuovo stadio Sant’Elia. E anche del nuovo quartiere fieristico di viale Diaz, di proprietà della Regione che ha chiesto al Comune un progetto per “cucire” urbanisticamente l’area della Fiera con quella di Su Siccu.


In questo articolo: