Cagliari, sassi contro portone e vetri della Prefettura: denunciato un 27enne pakistano

L’uomo è stato incastrato dalle telecamere di sicurezza. Qualche ora prima del gesto si era visto rifiutare l’accesso al sistema di protezione per richiedenti asilo. Il suo arrivo in Italia, via mare, quattro anni fa

Ha un nome l’autore del danneggiamento avvenuto la notte scorsa ai danni dello stabile che ospita gli uffici della Prefettura. Si tratta di I. M., pakistano di ventisette anni. Sono stati fondamentali, per incastrarlo, i filmati delle telecamere di sorveglianza che affacciano sul viale Buoncammino. Dopo il primo intervento della squadra volante le indagini sono state svolte dalla Digos, che è riuscita a risolvere il caso in brevissimo tempo. All’origine del gesto ci sarebbe la rabbia per aver ricevuto delle risposte “insoddisfacenti” circa la procedura da seguire per richiedere l’accesso al sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati da parte dello sportello unico per l’immigrazione.

Il pakistano è entrato in Italia nel 2014, sbarcando in Sicilia, e poi si è trasferito a Cagliari, dove ha subito richiesto l’asilo politico, senza ottenerlo. Ha però ottenuto il permesso di soggiorno per motivi umanitari così come previsto dalla legge. E, pur in possesso di permesso di soggiorno valido sino all’8 marzo 2019, ha richiesto la possibilità di entrare nel sistema Sprar. Alle spiegazioni circa la procedura da seguire e l’ufficio cui rivolgersi, lo straniero ha dato in escandescenza e, dopo aver strappato delle carte, è andato via. Dalla visione delle telecamere di sorveglianza e da alcune testimonianze gli investigatori hanno scoperto che il 27enne che ha danneggiato la porta degli uffici della Prefettura, oltre a corrispondere alla descrizione dell’individuo che la mattina aveva avuto l’alterco in Prefettura, ha anche danneggiato una cabina telefonica sita nei pressi degli uffici. “Fatale” un’impronta digitale sulla cabina telefonica danneggiata. I.M. è stato quindi denunciato in stato di libertà per il reato di danneggiamento aggravato.


In questo articolo: