Cagliari, lavori mai conclusi: campi sportivi di Is Bingias chiusi da 2 anni

Sorgia: “La recinzione viene di solito oltrepassata senza alcun problema”, prosegue il consigliere, “e spesso e volentieri sono diversi i giovani che giocano indisturbati senza averne l’autorizzazione, con rischi annessi e connessi in tema di sicurezza”

di Ennio Neri

I campi sportivi di Is Bingias sono misteriosamente chiusi da 2 anni. L’unico modo di utilizzarli per i giovani di Pirri è scavalcare la recinzione. La denuncia è in un’interrogazione del consigliere comunale del gruppo misto Alessandro Sorgia. L’impianto polifunzionale di “Is Bingias”, di proprietà del Comune di Cagliari, è stato ristrutturato circa due anni fa. C’è un campo di calcio a 5, con pavimentazione in erba artificiale, un campo di basket e uno di pallavolo con pavimentazione in materiali sintetici vari.

L’avvio dei lavori nell’impianto sportivo aveva fatto ritenere come esaudite le istanze dei residenti della zona, reiterate a più riprese nel tempo, “ma agli auspici non sono seguiti i fatti”, commenta Sorgia, “in quanto i lavori inspiegabilmente non si sono mai conclusi, e si registra l’assenza di omologazione dei tre impianti, nessun locale spogliatoi e nessuna tribuna per il pubblico. La spendita dei relativi fondi pubblici, è stata resa vana fino ad oggi dalla mancata consegna dei lavori di riqualificazione dell’impianto da parte del Servizio Sport, in quanto la struttura risulta chiusa e non fruibile dagli utilizzatori”.

E l’unico modo per utilizzare le aree sportive è scavalcare la recinzione. “La recinzione viene di solito oltrepassata senza alcun problema”, prosegue il consigliere, “e spesso e volentieri sono diversi i giovani che giocano indisturbati senza averne l’autorizzazione, con rischi annessi e connessi in tema di sicurezza in quanto l’impianto in questione non ha mai ricevuto l’indispensabile omologazione”.

Sorgia chiede l’apertura degli impianti alla cittadinanza.


In questo articolo: