Cagliari, la guerra di Truzzu agli ambulanti abusivi: “Mai più prigionieri nelle case in viale Trento”

Il sindaco traccia il bilancio di 12 mesi di mandato: “Gli ambulanti abusivi allontanati anche da via Roma. Nuovo volto per piazza Nazzari e piazza Matteotti”

Mai più cittadini prigionieri del mercatino di viale Trento. E’ una delle medaglie che il sindaco Truzzu si è messo sul petto dopo il primo anno di mandato: addio al mercatino aperto da 20 anni, con la sua lunga scia di venditori abusivi che dilagavano lungo viale Trento, viale Trieste e zone limitrofe, creando pesanti disagi ai residenti, e via al nuovo mercato (autorizzato e in regola) al parcheggio Cuore di Sant’Elia.
Resta da risolvere il problema degli ambulanti di via Simeto, ma i residenti di viale Trento “non si trovano più prigionieri nelle proprie abitazioni e non trovano più cumuli di rifiuti la domenica pomeriggio”, ha dichiarato Truzzu.
Il primo cittadino ha rimarcato anche l’allontanamento degli ambulanti abusivi da via Roma e dal largo Carlo Felice. E ha poi elencato tutte le opere portate a termine: i 20 km di strade asfaltate, i 3 di marciapiedi sistemati e i 2 mila nuovi punti di illuminazione pubblica (“nonostante non si tratti di periodo elettorale”, ha rimarcato Truzzu).
E poi la riapertura della Passeggiata Coperta e della Grotta della Vipera e l’apertura di piazza Nazzari e piazza Matteotti.
Infine l’ok dell’esecutivo al piano guida per Sant’Elia, alla nuova cittadella finanziaria in via Simeto e all’abbassamento delle tasse per le attività commerciali, oltre alle nuove norme sui tavolini per venire incontro alle difficoltà di bar e ristoranti legate alle misure di contrasto alla diffusione del covid.

In questo articolo: