Cagliari, gestiva un’autofficina abusiva e prendeva il reddito di cittadinanza: nei guai un 66enne di Sant’Elia

Era titolare di un’attività abusiva in un locale pubblico destinato ad uso comune di un edificio del rione. L’uomo è stato denunciato dai carabinieri per illecito percepimento del reddito di cittadinanza, truffa aggravata ed invasione di edifici

Gestiva un’officina abusiva in un locale occupato: nei guai un 66enne di Sant’Elia. L’uomo percepiva in modo illecito anche il reddito di cittadinanza. Ieri i carabinieri della stazione di San Bartolomeo hanno deferito in stato di libertà per illecito percepimento del reddito di cittadinanza, truffa aggravata ed invasione di edifici un 66enne del luogo, incensurato. L’uomo, nella mattinata di ieri, dopo un controllo eseguito dai militari, coadiuvati da personale della Polizia Locale di Cagliari, è risultato titolare di un’autofficina, abusiva, dislocata in un’ area destinata ad uso comune di un edificio del quartiere Sant’Elia.

All’interessato, privo di titolo abilitativo, è stata contestata l’irregolarità dell’attività di autoriparazione, con irrogazione di sanzione amministrativa  pecuniaria e sequestro preventivo finalizzato alla confisca delle attrezzature utilizzate per l’attività. Durante il controllo, è anche emerso che Il 66enne è percettore di reddito di cittadinanza. Sono stati anche sequestrati alcuni bidoni contenenti rifiuti speciali per i quali sono in corso approfondimenti mediante il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri.


In questo articolo: