Arrestato un pizzaiolo di Quartu: “Ha ucciso Gianluca Sarritzu”

Sarebbe lui il responsabile dell’omicidio avvenuto in viale Colombo un anno fa: ecco di chi si tratta 

Un pizzaiolo di Quartu finisce in carcere con la pesante accusa di omicidio preterintenzionale: si tratta di Pasquale Murtas, indagato per la strana morte in ospedale al Santissima Trinità di Gianluca Sarritzu, avvenuta nel giugno del 2014. Nella tarda mattina di oggi i militari del Nucleo Operativo del Comando Compagnia di Quartu S. Elena hanno tratto in arresto  il pizzaiolo quartese. Ecco la cronistoria. Nella mattinata del 21.06.2014 i citati militari, informati del decesso in ospedale di Sarritzu, hanno avviato le indagini, iniziate con la difficoltà di identificare il defunto (superata dal fatto che, pregiudicato, le sue impronte digitali erano già censite). Dagli elementi acquisiti nella medesima giornata si è potuto accertare che il soggetto deceduto era tossicodipendente e abusante di sostanze alcoliche e nelle prime ore del 21 giugno 2014 si sia sentito male all’interno del locale “To See” sito in Viale Colombo a Quartu Sant’Elena, dove si trovava intento a consumare alcolici unitamente ad un amico. L’autopsia ha consentito di appurare che quella sera  all’interno del locale “To See”, c’era stata una violenta colluttazione che ha visto coinvolti Sarritzu e Murtas. Quest’ultimo svolgeva, di fatto, mansioni di “buttafuori” del predetto locale e la lite è scaturita a causa di passate vicende personali che riguardavano i due. Sarritzu visibilmente ubriaco avrebbe offeso Murtas e, anche dopo essere caduto a terra, sarebbe stato ripetutamente colpito. Una reazione secondo i carabinieri assolutamente sproporzionata e ingiustificata, anche in relazione allo stato di ubriachezza in cui visibilmente appariva Sarritzu, che ha determinato il suo decesso.

 


In questo articolo: