Villaspeciosa, la casetta dell’acqua fa il botto: e si pensa già alla birra

Soddisfatto il sindaco Gianluca Melis: 30 mila litri erogati, 20 mila bottiglie di plastica in meno in soli due mesi. E ora si pensa a un distributore automatico di birra fresca

Casetta dell'acqua - Villaspeciosa
Il 7 maggio scorso è stata installata la casetta dell’acqua “Speciosese”.
“Quando si decise di installarla – spiega il sindaco Gianluca Melis – la speranza fu che la stessa potesse funzionare e non fosse un flop”.
Ecco alcuni dati dei primi due mesi dall’innovazione: “La casetta ha erogato 30 metri cubi d’acqua, praticamente 30 mila litri circa. Questi numeri ci dicono che, statisticamente, abbiamo: evitato di buttar via 20.000 bottiglie di plastica. Evitato di consumare 1.500 lt di gasolio per trasportare l’acqua in bottiglia. Fatto risparmiare agli utilizzatori circa 4500 euro, chiaramente soldi non spesi per l’acquisto dell’acqua confezionata, consumando la stessa quantità d’acqua. Altre due informazioni, in settimana termineranno i test per l’utilizzo delle tessere magnetiche. Una volta risolto un problema software le stesse verranno messe in vendita al costo di 11 euro con all’interno un credito di 10 euro.
In un tempo altrettanto breve installeremo un nuovo cestino porta rifiuti per avere un ambiente più pulito e ordinato in quell’angolo di Villaspeciosa. Sono partiti i contatti con un importante multinazionale della produzione della birra per posizionare un distributore automatico di birra fresca” presto, quindi, non sono escluse importanti novità. “Stiamo cercando di individuare una location, aspettiamo suggerimenti”.


In questo articolo: