Vaccinazioni record tra i giovanissimi in Sardegna, il 75% ha almeno una dose: caccia agli over 50 non vaccinati

Cresce il numero dei sardi vaccinati, il 67,5% ha ricevuto prima e seconda dose ed è boom di inoculazioni tra chi ha tra dodici e 19 anni. Rispetto alla media italiana, nell’Isola solo un giovanissimo su quattro è ancora senza vaccino. L’11,4 per cento di chi ha più di cinquant’anni è invece ancora scoperto: per convincere gli indecisi sono stati organizzati gli “open night” in diverse città sarde, dove non c’è bisogno di prenotazione

Sessantasette sardi su cento hanno completato il ciclo vaccinale e sono quindi, in automatico, possessori del green pass. La campagna vaccinale procede quindi spedita in Sardegna e quel risultato dell’immunità di gregge entro settembre è sempre più alla portata di mano. Ma a trainare le vaccinazioni sono soprattutto i giovanissimi: numeri record, che fanno della Sardegna una tra le regioni italiane più virtuose: chi ha tra i 12 e i diciannove anni e ha ricevuto almeno una dose è, esattamente, il 74,5 per cento. Un ragazzino su quattro ha ricevuto, almeno, la prima dose del Covid. Un paragone numerico diretto? La media nazionale di chi non è stato vaccinato ed è o minorenne o appena maggiorenne è del 33,7 per cento, nell’Isola la percentuale si blocca al 25,5. E nell’ultima rilevazione della fondazione Gimbe, inoltre, un altro 8,4 per cento di sardi di qualunque età ha ricevuto la prima dose del vaccino contro il Coronavirus.
Preoccupano ancora gli over cinquanta non vaccinati, l’11,4 per cento in Sardegna. E va avanti la caccia per cercare di convincerli, anche con i vari “open night” (a Cagliari il prossimo sarà tra due giorni, sabato diciotto, in piazza Garibaldi, dalle sei del pomeriggio alle 23) dove non sarà necessario prenotarsi.