Uta, entra in carcere per una visita con la droga nel reggiseno: arrestata

Doveva consegnarla al nipote detenuto. Fatale l’atteggiamento sospetto della donna, che ha convinto un agente a effettuare un controllo accurato nel corso del quale è emersa la sostanza abilmente occultata

E’ entrata in carcere con l’hashish nascosto nel reggiseno. Doveva consegnarla al nipote detenuto durante una visita. Ma è stata scoperta e arrestata. Continua incessante nel carcere di Uta la lotta contro il traffico di droga e di oggetti non consentiti.

Fatale l’atteggiamento sospetto dell’arrestata, tanto da indurre l’Agente ad un controllo accurato ed è emersa la sostanza abilmente occultata nel reggiseno.

“Si tratta dell’ennesimo arresto di persone che cercano di introdurre sostanze stupefacenti all’interno dell’Istituto cagliaritano, nell’ultimo periodo si sono registrati numerosi tentativi ma il personale di Polizia Penitenziaria ha saputo rispondere presente”, dichiara Michele Cireddu, segretario generale della Sardegna della UIL Pa Polizia Penitenziaria

Risultati come questi hanno il valore della vittoria di Davide contro Golia. Senza strumenti e risorse è infatti una battaglia impari ma il personale di Polizia Penitenziaria riesce a sopperire anche alla mancanza di attenzione da parte dei vertici di un Amministrazione sempre più distanti dalle reali necessità operative.

E’ letteralmente vergognoso infatti non avere ancora previsto gli strumenti adeguati per contrastare l’introduzione dei micro cellulari, così come è scandaloso non avere ancora previsto un nucleo cinofili in pianta stabile negli Istituti come quello cagliaritano  dove a causa della particolare tipologia dei detenuti ristretti sono più frequenti i tentativi di intrusioni fraudolente di sostanze stupefacenti.

Ci piacerebbe anche poter dire che le priorità degli Uffici romani del Dap siano altre ma non abbiamo nessun elemento per poterlo insinuare perché ci sembra di vedere un elettrocardiogramma piatto, non è ancora pervenuto nessun segnale per la Sardegna”.


In questo articolo: