Gli eletti nell’Isola: l’esercito dei grillini sardi e i big bocciati di Fi e Pd

Il cappotto del Movimento 5 Stelle porta a Roma una folta truppa di pentastellati isolani a Camera e Senato: 16 su 25 eletti in Sardegna. Tanti i volti noti esclusi nel Partito democratico e in Forza Italia. Ecco tutti i nomi

L’esercito dai sardi a Roma. Quasi tutti (ben 16 su 25) “grillini” grazie al voto quasi plebiscitario che il Movimento 5 Stelle ha raccolto in Sardegna. Ecco i nomi. Decisive le vittorie nei collegi uninominali. Si aggiudicano il seggio alla Camera Andrea Mura, il campione di Vela vincitore della Route du Rhum e di Vento di Sardegna, nel Sulcis il blogger Pino Cabras, l’allevatore Luigi Cadeddu a Oristano, Maria Lapia a Nuoro, il giornalista Nando Marino a Olbia e l’avvocato Mario Perantoni a Sassari.  Andranno invece al Senato lo scrittore cagliaritano Gianni Marilotti, Emiliano Fenu e Maria Vittoria Bogo.

A loro si aggiungono, grazie al voto dei collegi plurinominali gli uscenti Emanuela Corda e Andrea Vallascas, poi Lucia Canu, Alberto Manca e Paola Deiana, Ettore Licheri e Elvira Lucia Evangelista.

Forza Italia (grazie ai plurinominali) porta alla Camera dei Deputati l’ex presidente della giunta regionale Ugo Cappellacci e Pietro Pittalis: entrambi dovranno lasciare il consiglio regionale. Conferma al Senato per l’ex sindaco di Cagliari Emilio Floris. Fuori il deputato Bruno Murgia e sconfitta anche per Giuseppe Fasolino, consigliere regionale e sindaco di Golfo Aranci, tra i favoriti per la candidatura alle prossime regionali.

Il disastro è nel Pd. Confermati Romina Mura, sindaco di Sadali, alla Camera e Giuseppe Luigi Cucca, segretario regionale Pd, e Gavino Manca, uomo forte di Renzi nell’Isola, al Senato. Tanti gli esclusi eccellenti. Tra questi il presidente del consiglio regionale Gianfranco Ganau, il senatore uscente Luciano Uras (vicino al sindaco di Cagliari Massimo Zedda), l’ex segretario regionale e senatore uscente Silvio Lai

Dentro anche Guido De Martini, (Salvini) e Cristian Solinas, (segretario nazionale Psd’Az e protagonista dell’accordo tra sardisti e Lega e ottime possibilità (c’è da attendere i calcoli finali in virtù dei meccanismi complessi del Rosatellum) per Salvatore Deidda, noto “Sasso”, portavoce regionale Fdi.


In questo articolo: