Tragica alluvione nelle Marche, ci sono 7 morti: un bimbo tra i dispersi

Città sommerse da acqua e fango, è terribile il bilancio della bomba d’acqua che si è abbattuta su gran parte della Regione. Continuano senza sosta le ricerche dei dispersi

Ssette morti e diversi dispersi in provincia di Ancona: è il bilancio tragico, e provvisorio, del maltempo che ha colpito le Marche. Salva la mamma di cui non si avevano notizie a , ma al momento non c’è traccia del suo bambino. Il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio è partito per raggiungere i luoghi colpiti dalla bomba d’acqua. Continuano senza sosta le ricerche. Luigi D’Angelo del Dipartimento nazionale spiega: “Sono caduti circa 420 millimetri di pioggia in due o tre ore”. Attualmente l’acqua sta defluendo e le condizioni meteo questa mattina sono migliorate. Come riporta anche il nostro giornale partner Quotidiano.net, la situazione critica è a Senigallia, dove è esondato il fiume Misa e sul ponte Garibaldi si sono incastrati alberi, come affermato dall’assessore regionale Filippo Saltamartini stamattina in tv. Ora l’acqua sta defluendo, alle 5,30 il fiume è rientrato negli argini.

 

 

E il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio è in partenza per le Marche, mentre va avanti in modalità non stop il lavoro dei soccorritori per salvare altre vite.


In questo articolo: