Tocco a Radio Casteddu: “Aeroporto in crisi, centinaia di famiglie alla disperazione”

“La Sardegna è un’isola quindi vive di trasporti e sono stati sempre un punto fondamentale. Sono 500- 600 le famiglie che stanno vivendo una situazione, da un anno, di disperazione, lo Stato deve intervenire seriamente e subito”

Edoardo Tocco, Presidente del Consiglio Comunale, a Radio Casteddu interviene sul dramma che stanno vivendo i lavoratori dell’aeroporto di Cagliari-Elmas:
“La Sardegna è un’isola quindi vive di trasporti e sono stati sempre un punto fondamentale. Oltre che avere un sistema deficitario, dovuto alla pandemia e a tutte le situazioni concomitanti, ci stanno passando i lavoratori: sono 500- 600 le famiglie che stanno vivendo una situazione, da un anno, di disperazione, lo Stato deve intervenire seriamente e subito, perché sono l’emblema del dramma che l’Italia, la Sardegna, sta vivendo.
Io come presidente del consiglio ho emesso su un comunicato, ho parlato con alcuni consiglieri perché noi faremo un documento nel quale si evincerà che il comune di Cagliari è vicina a queste persone; il problema dei voli, dei trasporti, ha creato sicuramente un’amplificazione della pandemia però è chiaro che se io fermo un gigante come l’aeroporto di Elmas devo anche mettere in condizione tutta questa gente di sopravvivere. I trasporti vengono fermati perché sono uno dei veicoli maggiori del virus, però di conseguenza devono sopperire assolutamente con delle risorse. A mio giudizio dovevano chiudere e lasciare i voli solo di emergenza e non tenere tutte queste persone così, senza stipendio; questa gente continuerà a protestare sotto i palazzi delle istituzioni a vuoto perché nessuno li aiuta; lo Stato deve ristorare questa gente”.
Risentite qui l’intervista a Edoardo Tocco del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanu
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: