Spese pazze, il viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi condannato a 3 anni e 5 mesi: dimissioni date a Salvini

Il viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi è stato condannato a 3 anni e 5 mesi dal Tribunale di Genova per le cosiddette ‘spese pazze’ in Regione Liguria negli anni dal 2010 al 2012. I dettagli sul nostro giornale partner Quotidiano.net: “Rixi, all’epoca dei fatti capogruppo regionale della Lega, era accusato di peculato e falso. Il pm Francesco Pinto aveva chiesto per lui una condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione. Per Rixi decisa anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e disposta la confisca 56.807,35 euro.

Secondo la procura, Rixi avrebbe tra l’altro approvato i rendiconti delle spese senza verificare se fossero attinenti al ruolo di consigliere. Spacciandole per spese istituzionali, dunque, i 22 imputati (tra ex consiglieri regionali e ancora in carica) si sarebbero fatti rimborsare cene, gite al luna park, gratta e vinci, fiori, birre, ostriche e anche viaggi, sostenuti da collaboratori ma le cui pezze giustificative erano a nome dei consiglieri per complessivi 30mila euro”. (foto del nostro giornale partner Quotidiano.net)


In questo articolo: