Cagliari, spaccio di hashish e marijuana a San Michele: arrestati madre e figlio

Blitz della polizia in via Premuda. Il giovane sorpreso ad armeggiare con un bilancino di precisione. Droga nascosta sotto l’armadio di camera della mamma

 

Continua senza sosta il contrasto allo spaccio degli stupefacenti. I controlli, sempre più mirati, operati dalla Polizia di Stato di Cagliari nei quartieri cittadini dove è più insistente il fenomeno del mercato illegale della droga hanno portato all’arresto di madre e figlio, da tempo sospettati di svolgere dall’interno del loro appartamento l’attività illecita dello spaccio.

Il 5 dicembre gli Agenti della Squadra Volanti, a seguito di informazioni acquisite nel quartiere di San Michele hanno effettuato un controllo presso un’abitazione in via Premuda.

Mentre i poliziotti accedevano all’interno del condominio hanno sentito l’inconfondibile ed intenso odore tipico dell’hashish, provenire dall’appartamento dove abitava Andrea Medda, 20enne cagliaritano, pregiudicato già noto alle forze dell’ordine per i reati in materia di stupefacenti.

I sospetti sono stati confermati quando gli agenti, dopo aver sorpreso il giovane, che al momento si trovava nella sua camera da letto, armeggiava con un bilancino elettronico di precisione, con ancora tracce fresche di hashish, e una piccola cassetta di sicurezza al cui interno erano occultate 76 dosi di hashish, per un peso complessivo di 52 gr., due buste di plastica contenenti marijuana per un peso di 2 gr.

All’interno della cassetta è stata rinvenuta anche la somma di 195 euro, suddivisa in banconote di piccolo taglio, probabile provento di pregresse vendite.

Gli Agenti hanno anche trovato, sotto l’armadio della camera da letto della madre, Luigia Deiana di 56 anni, una busta in cellophane contenente 97 gr. di marijuana. Lo stupefacente è stato sequestrato unitamente al materiale utile al confezionamento delle dosi dello stupefacente e alla somma di denaro.

Madre e figlio, responsabili nella flagranza nel reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati arrestati e trattenuti presso la propria abitazione a disposizione dell’A.G.


In questo articolo: