Ripartono i tir ma si fermano le navi: nuovo stop per le merci a Cagliari

Risolta, almeno per ora, la protesta degli autotrasportatori, un nuovo problema rischia di penalizzare ancora una volta i sardi e di impedire la consegna di merci indispensabili all’uso quotidiano. Scade infatti domani l’accordo “ponte” con la Grimaldi, che per sei mesi ha garantito tre volte alla settimana la copertura della tratta da Cagliari ad Arbatax. E il bando, scaduto il 28 febbraio, non è stato ancora aggiudicato

Chi pensava che fosse finita, sbaglia e di grosso anche. Perché dopo la protesta rientrata degli autotrasportatori, una nuova tegola si sta per abbattere sulla testa dei sardi e in particolar modo dei cagliaritani, che potrebbero continuare a trovare scaffali vuoti ancora a lungo nei supermercati. Alcune merci potrebbero subire un nuovo stop perché domani scade l’accordo ponte grazie al quale Grimaldi ha garantito per 6 mesi, tre volte a settimana, il collegamento fra Cagliari e Civitavecchia. Quindi nessuna nave da Cagliari partirà per Civitavecchia e ritorno già da domani.

E il bando per la continuità territoriale marittima? Scaduto il 28 febbraio, non è stato ancora aggiudicato, perché ci sono in corso verifiche tecniche in corso sui requisiti di Grimaldi, unica compagnia ad aver partecipato. E’ dunque impossibile prenotare sul sito della compagnia di navigazione. Da domani passeggeri, tir, camion, autotrasportatori, rimorchi resteranno in banchina: unico modo per partire, spostarsi a Olbia, 300 disastrati chilometri con il prezzo della benzina alle stelle.


In questo articolo: