Quartu, sangue e orrore al Poetto: “Hanno ucciso i gatti della colonia”

Quattro mici piccoli trovati senza vita tra i cespugli vicino a un chiosco, la denuncia delle volontarie: “Sono stati attirati con del cibo, poi qualcuno gli ha sparato. Siamo choccate, la follia umana non ha limiti”

È stato un Natale da incubo, quello vissuto dalle volontarie della colonia felina “I gattini del Poetto”. Alcuni mici, infatti, sono stati trovati senza vita a pochi metri dal loro rifugio, tra i cespugli e un chiosco del litorale quartese. E non si tratterebbe, purtroppo, di una morte naturale, ma violenta. “Il primo micio è stato trovato morto il 21 dicembre, il secondo e il terzo lunedì 23 e il quarto la mattina della Vigilia di Natale”, racconta una delle volontarie, Luisa Campus. Marcella Lepori, un’altra volontaria che da anni si prende cura dei mici, è disperata e, allo stesso tempo, furiosa: “Quattro gattini, due maschi e due femmine, sono stati uccisi da qualcuno che, dopo averli attirati con del cibo, li ha trafitti all’altezza del ventre. Tutti i gatti morti, infatti, avevano due buchi in parallelo, come se fossero stati infilzati” spiega. Un quinto gatto, fortunatamente, è stato salvato: “L’abbiamo portato dal veterinario, anche lui aveva due ferite”. L’animale, adesso, è fuori pericolo, ma la paura delle volontarie è che, ben presto, anche gli altri mici possano fare la stessa fine dei loro “fratellini”.

 

Una delle donne che si occupano di sterilizzare nutrire e accudire i gatti ha già presentato una dettagliata denuncia ai carabinieri di Quartu : “Il veterinario ha stabilito che si tratta di ferite di arma da fuoco. Sino a poco tempo fa la colonia era formata da cinquanta gatti”. Nell’ultimo periodo, però, tanti mici sono “scomparsi” nel nulla: “Non sappiamo dove siano finiti”, afferma la Lepori, “ma la nostra paura è che siano stati ammazzati anche loro. Siamo schifate, non pensavamo che la crudeltà e la follia dell’uomo potesse raggiungere simili vette”.


In questo articolo: