Quartu, il nuovo Poetto sino al Margine Rosso prende forma: “Un fiume di eventi sportivi per tutta l’estate”

Il lungomare sempre più uguale a quello di Cagliari, tra corsie pedonali e zero spazi per le auto. Nel playground, intanto, non solo basket: spazio, da luglio a settembre, anche per pattinaggio, fitness e tennistavolo senza nessuna barriera architettonica


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Si rinnova l’entusiasmo e la passione sportiva intorno al playground del Poetto. Qualche piccolo lavoretto di riordino in vista del pieno utilizzo nella stagione estiva e via con una serie di attività promosse dalle associazioni sportive locali, tra allenamenti e sfide, in una splendida cornice paesaggistica tra mare e parco di Molentargius, a margine del nuovo lungomare di Quartu dove è in corso un importante e corposo restyling. Subito dopo l’estate via al secondo e terzo lotto, sino al Margine Rosso. Intanto, l’amministrazione comunale prosegue il percorso volto a riqualificare le aree sportive presenti nel territorio, al fine di restituire ai cittadini campi di gioco dove praticare le varie discipline, ma anche più semplicemente dove stare insieme, in quanto piacevole luogo di aggregazione e di socialità. In quest’ottica si è ragionato e conseguentemente operato al fine di assicurare un utilizzo pieno, efficiente e coordinato del playground di viale Golfo di Quartu. Per il campo Dope del Poetto sarà un’estate a pieno ritmo, grazie alle attività svolte dalla Ferrini Basket Quartu, che si occuperà anche della manutenzione, e da tante altre associazioni cittadine, in coordinamento tra loro. Società sportive, ma anche comitati e piccoli gruppi di cittadini, potranno così sfruttare a dovere il campo all’aperto, sempre nel rispetto delle necessarie regole di sicurezza, nel perimetro della struttura stessa e nelle immediate adiacenze.

 

 

 

Il panorama delle diverse discipline svolte sul territorio comunale sarà ben rappresentato. Tante infatti le associazioni che stanno cominciando ad alternarsi sul playground del parco lineare. Dal basket, anche in carrozzina, al pattinaggio, dal tennistavolo, o TTX nella sua variante all’aperto, alle specialità varie di fitness, dalla ritmica fino alle attività ludico-ricreative per bambini. Moltissimi quindi i cittadini, compresi i soggetti fragili e i diversamente abili, pronti a darsi appuntamento nel lungomare quartese per fare sport. Un efficiente e coordinato utilizzo del campo di basket sponsorizzato Dope che sarà utile, proprio in virtù di una frequentazione più sistematica, anche in un’ottica di salvaguardia della struttura dagli assurdi e inconcepibili atti vandalici che si sono purtroppo ripetuti nel corso degli anni. Sarà una nuova vetrina per la città. La valorizzazione di uno spazio ludico in un contesto così straordinariamente attrattivo, aperto ai quartesi ma anche ai cittadini di tutta l’area vasta, rappresenta infatti non solo un potenziamento della dimensione sportiva della città, ma una crescita potenziale di tutto l’indotto, con particolare riferimento alle attività produttive della zona e al turismo.


In questo articolo: