Quartu, muore stroncato dal Covid all’ospedale a 58 anni: addio a Fabio Melis

La città piange una nuova vittima legata al virus, Melis lascia quattro figli: “Ha lavorato alla De Vizia e anche come giardiniere, ultimamente non lavorava. Non aveva altre patologie”. I vertici dell’amministrazione comunale: “Aveva rifiutato il vaccino”

Se n’è andato a cinquantotto anni, morto di Covid, al Binaghi. Si chiamava Fabio Melis una delle ultime vittime del Coronavirus a Quartu. In città non si registravano morti per Covid già da un pò di tempo, e dai vertici dell’amministrazione comunale, dopo aver ricevuto gli ultimi aggiornamenti dell’Ats, hanno detto che “aveva rifiutato il vaccino”, un particolare confermato anche dai familiari. L’uomo lascia quattro figli. Una di loro spiega che “papà non aveva altre patologie, è stato ricoverato all’ospedale il ventisei dicembre”. Negli anni aveva lavorato, sempre a Quartu, “alla De Vizia, poi anche come giardiniere”. Ultimamente non stava lavorando. Fabio Melis è morto ieri, dopo dodici giorni di ricovero in uno dei due Covid hospital del capoluogo sardo. La notizia della sua scomparsa per colpa del virus ha iniziato a circolare in città già da ieri: Melis, anche per i suoi trascorsi lavorativi, era conosciuto da diversi consiglieri comunali. Un altro parente di Melis precisa che “Fabio non aveva ancora fatto il vaccino”.
L’ultimo saluto al 58enne è stato già fissato: il funerale sarà domani, sabato otto gennaio, alle 15, nella chiesa quartese di Sant’Antonio.


In questo articolo: