Quartu, a Capodanno rinasce lo storico infopoint del Margine Rosso: “Così strizziamo l’occhio anche ai turisti invernali”

È ufficiale, operai subito in azione nella struttura, abbandonata da anni, di via Melibodes. Il Comune dice sì alla riapertura dell’infopoint sulla costa quartese, il piano del vicesindaco Sanna: “Tetto, porticato e soffitto nuovi. Tornerà ad essere un punto di informazioni per i cittadini e i vacanzieri”. E si pensa a una promozione di Quartu attiva tutto l’anno: “Coinvolgeremo la nostra Pro Loco, l’infopoint sarà aperto ogni giorno”

La firma ufficiale è stata messa oggi, a distanza di tanti anni da quando il portone dell’infopoint del Margine Rosso di Quartu Sant’Elena era stato sbarrato, lasciando dentro solo polvere, depliant ormai ingialliti e un servizio in meno per tutta la comunità. Nella riunione della Giunta Milia è stato approvato il progetto esecutivo per la ristrutturazione dell’edificio, sessantamila euro che porteranno, entro Capodanno, al brindisi per la riapertura dei locali a pochi metri dal mare. A darne notizia, a Casteddu Online, è il vicesindaco Tore Sanna: “I lavori dovranno terminare entro l’anno, visto che abbiamo utilizzato i fondi dell’avanzo di amministrazione. Abbiamo l’esigenza di riaprirlo quanto prima e di ristabilire una presenza forte del Comune. I lavori riguardano i rifacimenti di tetto, porticato e la sostituzione delle travi interne, aggredite dai tarli. Sarà rivolto agli abitanti della zona costiera e anche ai turisti, tornerà ad essere un punto di erogazione di informazioni sulle bellezze cittadine e sui posti da visitare. I funzionari del Comune, a giorni alterni, potranno operare direttamente lì”, garantisce il numero due del Comune di Quartu. E c’è l’intento di “strizzare l’occhio anche ai turisti invernali”. Una Quartu da vivere, turisticamente parlando, non solo in estate, insomma.
“Per quanto riguarda i vacanzieri stiamo cercando di lavorare sempre più proficuamente anche con la Pro Loco e i nostri due rappresentanti comunali, Francesco Piludu e Annamaria Demurtas, presenti nel consiglio di amministrazione, per una serie di eventi e azioni per rilanciare sempre più il turismo”, osserva il vicesindaco. A Flumini, per esempio, c’è una realtà privata che opera già nel settore turistico. Premesso che ognuno deve fare, giustamente, la sua parte, ma potremmo allargare la nostra azione coinvolgendo, appunto, anche i privati”.


In questo articolo: