Prefettura, vertice sul Poetto: “Sì alla proposta di Truzzu, telecamere in tutta la costa per evitare assembramenti”

Maxi controlli programmati dalla Prefettura in un vertice con le forze dell’ordine e i sindaci di tutta la città Metropolitana: stretta anche sui giovani, multe a chi non rispetta le regole. Ecco tutte le novità annunciate oggi, sulle spiagge e per l’estate 2020. Truzzu chiede telecamere in tutta la costa meridionale

Prefettura, vertice sul Poetto: “Sì alla proposta di Truzzu, telecamere al Poetto per evitare assembramenti”. Maxi controlli programmati dalla Prefettura in un vertice con le forze dell’ordine e i sindaci di tutta la città Metropolitana: stretta anche sui giovani, multe a chi non rispetta le regole. Il Prefetto di Cagliari Bruno Corda ha presieduto nella giornata odierna una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, svolta in modalità di videoconferenza, cui sono intervenuti il Sindaco della Città Metropolitana di Cagliari, unitamente al Comandante della Polizia Locale, il Questore, il Comandante provinciale dei Carabinieri, della Guardia di finanza, il Comandante della Capitaneria di Porto, nonché i Sindaci dei Comuni di Quartu Sant’Elena, Capoterra, Sarroch, Pula, Maracalagonis e Sinnai facenti parte dell’Area Metropolitana di Cagliari.

Alla riunione odierna, seguirà un ulteriore incontro che vedrà il coinvolgimento dei Sindaci dei Comuni costieri della provincia del Sud Sardegna.

L’incontro ha avuto l’obiettivo di programmare e condividere le misure messe in campo da ciascun Sindaco dei Comuni i cui territori insistono sulle località costiere dell’Area Metropolitana di Cagliari per garantire l’ordinato avvio della stagione turistica e balneare alla luce delle disposizioni emanate dal Governo riguardanti il divieto di assembramento, al fine di evitare che il comportamento irresponsabile di pochi possa riproporre il pericolo di contagio.

In tale contesto, prosegue la sinergia istituzionale già positivamente sperimentata durante tutta l’emergenza epidemiologica che continua a vedere impegnate tutte le Forze di Polizia, anche Locali, con la collaborazione della Capitaneria di Porto.

Particolare attenzione sarà dedicata alle zone centrali del Capoluogo, alla zona costiera e ai luoghi di ritrovo giovanile, senza trascurare i Comuni della provincia, concentrando i servizi di controllo e vigilanza nella zone in cui è maggiormente elevato il rischio di assembramenti.

Con riferimento alle  misure da adottare in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica in atto nelle spiagge ed negli arenili dei Comuni costieri, obiettivo condiviso da tutti partecipanti è di evitare affollamenti e disagi sia attraverso una preventiva e capillare informazione agli utenti, con il possibile  coinvolgimento delle associazioni di volontariato, sia attraverso mirati servizi di controllo e pattugliamento realizzati dalle Polizie Locali, con il supporto delle Forze di Polizia per gli aspetti di ordine e sicurezza pubblica.

Di particolare interesse l’iniziativa del Sindaco della Città Metropolitana di Cagliari che prevede di mettere a punto un sistema di videosorveglianza lungo il litorale relativo alle spiagge situate sull’intera costa meridionale della Sardegna in grado di rilevare  e far conoscere ai cittadini in tempo reale, già prima di mettersi in viaggio, lo stato di ricettività delle spiagge libere.

Tale sistema consentirebbe, altresì, il monitoraggio da remoto e, nell’ottica di efficientamento delle risorse umane a disposizione, di orientare in maniera dinamica e tempestiva gli interventi delle Forze di Polizia.

In tale contesto, i Sindaci, al fine di rendere operative le suddette  iniziative, hanno manifestato l’esigenza di acquisire, entro tempi brevi e compatibili con l’imminente avvio della stagione balneare, risorse aggiuntive rispetto agli stanziamenti ordinari presenti in bilancio.


In questo articolo: