Orti urbani e cene di quartiere: un laboratorio per Santa Teresa

Il Comune punta sulla rinascita del quartiere di Pirri

Il quartiere di Santa Teresa come territorio di innovazione sociale, partendo dai suoi abitanti. Sabato 13 dicembre sarà una giornata di incontri e attività per raccontare il laboratorio culturale già in atto in questi mesi nel quartiere di Pirri. Aiuto reciproco, condivisione, scambio di saperi intorno alle comunità saranno il filo conduttore dell’evento. “Santa Teresa – Laboratorio aperto” rappresenta un nuovo punto di partenza per le attività svolte nel quartiere in collaborazione con gli abitanti: attività nate dall’esperienza della candidatura di Cagliari a Capitale della Cultura 2019, e proiettate come eredità attiva negli anni a venire, a partire dal 2015. Questo lascito ha tra i suoi punti quello di connettere le diverse aree della città e renderle poli attivi di
attrazione, attraverso l’arte, la comunicazione e l’innovazione sociale.
Il programma:
Ore 16:00 Inaugurazione percorsi librari e introduzione agli orti urbani a cura di Rossana Corti, Urban Center Cagliari e AgriCulture
Ore 16:30 Presentazione dei risultati della prima fase del laboratorio sperimentale “Cantiere aperto al
pubblico: #01 Santa Teresa”
a cura di Cesarina Siddi e Fiammetta Sau di Unica
Ore 18:00 Mano: presentazione dell’app e dell’esposizione fotografica; proiezione del documentario “Santa Teresa – una mano tira l’altra”
a cura del Collettivo Sardarch e del Team Mano
Ore 19:30 Addìa – lettura in lingua sarda
interpretato da Maria Virginia Siriu di Theandric TeatroNonviolento
Ore 20:30 Cena di quartiere organizzata dalle donne di Santa Teresa a cura del Team Mano e dei volontari di Cagliari 2019
Dalle 16 alle 20, presso l’Exmè, Mostra Collettiva Creativa – creazioni realizzate dalle donne di Santa
Teresa a cura di Associazione Codice Segreto ONLUS


In questo articolo: