Orrore in Sardegna, cane appena nato abbandonato e lasciato morire sotto il sole cocente

Il piccolo e i suoi 4 “fratellini” strappati alla madre e abbandonati in una strada di San Teodoro con trenta gradi all’ombra :”Li ha trovati un turista svizzero, era choccato davanti a un caso orribile di cattiveria umana”

Gli occhi aperti da poche ore, la ricerca del contatto “materno” che, purtroppo, non c’è, poi la morte. Una storia che ben descrive dove possa arrivare, a volte, la follia e la cattiveria dell’uomo. Cinque cuccioli di cane, tutti di razza meticcia, abbandonati sotto il sole cocente a San Teodoro. È stato un turista svizzero, verso mezzogiorno, a notare quei corpicini “ghiacciati nonostante il caldo torrido, visto che erano appena nati”. A raccontare l’episodio è la responsabile della Lida di Olbia, Cosetta Prontu, da tantissimi anni in prima linea per la difesa degli animali. “Il turista ci ha contattato dopo aver chiamato, a vuoto, veterinari e Forze dell’ordine. Ce li ha portati facendo decine di chilometri con l’automobile”. Per uno dei cuccioli, però, ogni tentativo di strapparlo alla morte è stato inutile. “Erano tutti e cinque agonizzanti”, spiega la Prontu, “quattro stanno ancora lottando per sopravvivere, speriamo bene”.

 

E la numero uno della Lida Olbia affida a Facebook una lunga e amara riflessione: “Non sta dormendo. La follia umana non ha limiti. Era solo un cucciolo appena nato, insieme ai suoi fratellini è stato strappato dal calore della mamma e buttato sul ciglio della strada, sotto un sole cocente. Ha lottato con tutte le sue forze per sopravvivere, ma non ce l’ha fatta. In fondo questo mondo così malvagio non ha bisogno di esseri puri e lui come un battito di ali è volato via. I suoi fratellini stanno lottando per sopravvivere, non sappiamo se ce la faranno. Questa è la triste realtà di ciò che avviene ogni giorno in Sardegna. Tutto questo a San Teodoro, meta turistica, mare turchese ma… gli amministratori locali non si rendono conto che i turisti e le persone per bene che qui risiedono sono schifati dalla violenza di questi cittadini ignoranti? Queste sono le cartoline dalla Sardegna che il turista svizzero porterà a casa con sé. Una vacanza che poteva essere bellissima trasformata in un incubo. Ma voi non lo capirete mai perché sino ad oggi ogni amministratore che si è succeduto non ha mai fatto nulla per risolvere i problemi del randagismo. Certo una cosa l’avete fatta, rinchiudere quei poveri cani che vi segnalavano, in pessimi canili”.