Maxitruffa del bancomat, sgominata la banda: 5 indagati di tutt’Italia a Nuoro

L’indagine era partita dalla denuncia di una signora che aveva pubblicato un annuncio per affittare una casa estiva. Usando il suo bancomat nella convinzione che le sarebbe stato ricaricato, come i truffatori le avevano fatto credere, aveva fatto 5 pagamenti prosciugando il suo conto

Truffa del bancomat, 5 persone fra i 32 e i 42 anni sono state denunciate in tutt’Italia grazie alle indagini della Polpost di Nuoro, partite dalla denuncia di una donna di 51 anni che, rimasta vittima di un raggiro, aveva versato 2.400 euro ai malviventi attraverso diverse ricariche. Tutto è iniziato con la pubblicazione di un annuncio per una casa vacanze a San Teodoro, nel nord della Sardegna, nota località della movida estiva isolana. Nel giro di qualche ora era stata contattata da una persona, attraverso un numero di telefono cellulare, che le aveva chiesto di bloccare immediatamente la casa, convincendola a restare al telefono mentre lui avrebbe effettuato un vaglia per pagare l’anticipo. La donna, credendo in buona fede alle istruzioni che le venivano date, ha effettuato tutte le operazioni richieste attraverso il suo bancomat, ripetendole più volte perché i truffatori le dicevano che non riuscivano a effettuare il pagamento. In realtà attraverso quei codici, il conto della vittima è stato svuotato. Grazie alla collaborazione con le banche coinvolte, gli agenti della polizia postale sono riusciti a risalire ai responsabili che sono ora indagati dalla magistratura nuorese.