Marina, preghiere islamiche alle 7,45:”Non riusciamo a uscire di casa”

Preghiere musulmane nel cuore della Marina quasi all’alba, i residenti protestano: “Veniamo svegliati alle 7,45 e non riusciamo neanche a uscire dai portoni di casa. Giusto dare un luogo di preghiera agli stranieri, ma il sindaco non aveva promesso di trovare un posto più adeguato?”

Preghiere musulmane nel cuore della Marina quasi all’alba, i residenti protestano: “Veniamo svegliati alle 7,45 e non riusciamo neanche a uscire dai portoni di casa. Giusto dare un luogo di preghiera agli stranieri, ma il sindaco non aveva promesso di trovare un posto più adeguato? “. La lettera aperta dei residenti di via del Collegio a  cagliari Online: “Foto di ieri in Via del Collegio. Questo e’ lo scenario che una volta a settimana o due come in occasione di festivita’ si pone davanti agli abitanti che restano bloccati. Oltre ad essere svegliati alle 7.45 dalle litanie diffuse da un microfono, non riescono ad uscire dai portoni. In particolare una disabile ha lamentato che non puo’ andare a lavoro perche’ se non ci sono uomini le sue richieste di farla passare rimangono inascoltate. Hanno reso pedonale quel tratto di Via per consentirgli la preghiera e verrebbe facile la battuta che adesso avrebbero tutta Via Roma. Resta un problema di tutti consentire ai residenti di poter uscire ed entrare nelle loro case e a loro di pregare nel rispetto della collettivita’”. 


In questo articolo: