Mare in burrasca e vento fortissimo, “impossibile intervenire sul cargo incagliato a Sant’Antioco”

Onde troppo alte e mare agitatissimo, il cargo della Cdry Blue continua a rimanere nelle acque di Torre Cannai: “Non ci sono tracce evidenti di idrocarburi nell’acqua”

La Cdry Blue si prepara a trascorrere un’altra notte nelle acque in tempesta davanti a Sant’Antioco. Il cargo rimasto incagliato non può ancora essere “liberato” proprio a causa del mare in burrasca e del vento che soffia sino a cinquanta nodi. La Guardia Costiera le ha tentate tutte: prima con l’elicottero decollato dalla base di Decimomannu, poi con un controllo effettuato dall’ufficio circondariald marittimo di Sant’Antioco. Nulla da fare, le condizioni sono ancora troppo proibitive per tentare un intervento diretto a bordo del mercantile. La buona notizia, tuttavia, c’è lo stesso: la presenza di idrocarburi nel mare dovrebbe essere bassa. La stessa Guardia Costiera, infatti, osserva che “non ci sono tracce evidenti”.


In questo articolo: