Maltratta l’ex convivente, condannato a 3 anni e 6 mesi: cagliaritano ai domiciliari in un Rsa

Dopo le denunce della vittima aveva ottenuto l’allontanamento dell’interessato dalla casa familiare e il divieto di avvicinarsi alla parte lesa, che era stata sottoposta a tali e tante vessazioni da renderle la vita impossibile. Dovrà scontare la pena in presso una struttura di Vallermosa


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Stamattina a Vallermosa, i Carabinieri hanno dato  seguito ad un’ordinanza emessa dall’ufficio SIEP (sistema informativo esecuzioni penali) del Tribunale di Cagliari, nei confronti di un 52enne, cagliaritano, ivi domiciliato. L’uomo dovrà espiare una pena detentiva di 3 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto riconosciuto colpevole del reato di maltrattamenti in famiglia, commesso nel 2021 a Pirri.

Dopo la denuncia querela formalizzata dalla ex convivente e dei successivi accertamenti dei Carabinieri, era scaturita un’informativa di reato, in virtù della quale la Procura della Repubblica aveva ottenuto l’allontanamento dell’interessato dalla casa familiare e il divieto di avvicinarsi alla parte lesa, che era stata sottoposta a tali e tante vessazioni da renderle la vita impossibile. A quel punto l’uomo aveva eletto domicilio a Vallermosa fino alla data odierna in cui la condanna è divenuta esecutiva. Dovrà scontarla in stato di detenzione domiciliare, presso la struttura “RSA Randazzo”, situata sulla strada provinciale numero 3, dove già alloggia.


In questo articolo: