In Sardegna arrivano decine di medici dal resto d’Italia: “Colmeranno i gravi vuoti di organico negli ospedali”

Più di 40 medici pronti a mettere piede nell’Isola per lavorare negli ospedali, il presidente Solinas: “Sono soddisfatto, è il primo contingente che ha aderito al bando della mobilità a livello nazionale”

Oltre 40 medici, residenti fuori Sardegna, chiedono di trasferirsi nell’Isola. E’ il primo contingente che ha aderito al bando della mobilità a livello nazionale aperto dalla Regione per tutte le figure sanitarie, nel quale sono disponibili 166 posti per le strutture pubbliche, ospedali e medicina territoriale. “Soddisfatto” il presidente della Regione Christian Solinas. “Stiamo utilizzando tutti i mezzi a nostra disposizione, dice il Presidente, per colmare i gravissimi vuoti di organico causati, negli anni passati, da una politica di tagli decisamente sbagliata e dal blocco del turn over, che ha determinato un costante ed inesorabile depauperamento degli organici in tutti i settori sanitari e ospedalieri. Tutto ciò che è nelle competenze della Regione, prosegue il Presidente, verrà realizzato per restituire alla sanità pubblica quel livello occupazionale che è la prerogativa essenziale per la qualità del servizio erogato ai cittadini”.
La destinazione del nuovo personale terrà conto delle discipline di provenienza e delle necessità organizzative di Ats.


In questo articolo: