Impianti contraccettivi Essure, Bayer patteggia negli Usa

Già proibito in Europa era finito negli ultimi anni nella bufera per i presunti effetti collaterali gravi consistenti nella “Perforazione delle tube e dell’utero”

Con 1,6 miliardi di dollari Bayer patteggia negli Stati Uniti il 90% delle 39’000 cause nei tribunali della California e della Pennsylvania per risolvere la maggior parte delle azioni legali a Essure, il sistema di contraccezione ora ritirato dal mercato e accusato dalle donne di non prevenire le gravidanze e arrecare danni irreversibili. Il patteggiamento è più costoso delle attese. A questo punto, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, invita tutte le donne italiane che abbiano riscontrato problemi analoghi a quelli denunciati in altri paesi, a segnalarceli per valutare la fattibilità di un’azione analoga a quella transalpina, anche in Italia.


In questo articolo: