Graziano Milia a Radio Casteddu: “Governo Conte reso forte dalla pandemia, era nato per impedire a Salvini di governare”

Il sindaco di Quartu Sant’Elena: “Governo non robusto sin dalla sua nascita, fatto per impedire a Salvini di governare”

Graziano Milia, sindaco di Quartu Sant’Elena, a Radio Casteddu interviene sulla crisi di governo aperta da Matteo Renzi: “Bisogna vedere che cosa accadrà, oggi si registrata una presenza incisiva del capo dello Stato che in questo in questo momento è un peso superiore. È un momento molto particolare non solo per la pandemia in quanto tale ma perché ci sono degli appuntamenti importanti: non è sufficiente approvare il Recovery Fund, si tratta poi di mettere in moto una serie di meccanismi affinché questo strumento diventi un piano d’azione. Questo richiede quindi un governo autorevole non solo per il rispetto di una serie di procedure; avremmo volentieri fatto a meno di una crisi di governo ma quando avvengono c’è sempre un motivo. Io sono uno di quelli che pensa sempre che è meglio affrontare le questioni a tutti i costi, anche quando ci sono dei momenti difficili piuttosto che far finta di niente e andare avanti. Il problema vero è che le elezioni non le ha vinte nessuno, è un governo di coalizione e in questi casi non tutti la pensano alla stessa maniera e ci sono opinioni diverse su tante cose. Quando il numero delle cose su cui la si pensa in maniera diversa iniziano ad essere esagerato, è logico che capitano queste situazioni. Questo governo non era robusto sin dalla sua nascita: è nato nell’estate del 2019 a seguito della crisi tra 5stelle e Lega. È stato fatto un governo sostanzialmente per impedire a Salvini di governare e tutti sapevano che era un governo che avrebbe avuto una vita breve. Poi c’è stata la pandemia e questo governo è rimasto lì: è stato reso forte solo dalla pandemia”.
Risentite qui l’intervista di Graziano Milia del direttore Jacopo Norfo, Paolo Rapeanu e Gigi Garau https://www.facebook.com/castedduonline/videos/2809628172698912/
e e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: