Fuga per le cure fuori dall’Isola: per i sardi stangata da 86 milioni di euro

L’Isola attrae prestazioni sanitarie per quasi 22 milioni, ma i pazienti sardi pagano fuori dalla regione circa 86,5 milioni di euro: un saldo negativo moderato con un debito di 64,7 milioni, secondo il report sulla mobilità sanitaria 2021 elaborato dalla Fondazione Gimbe


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Per curarsi fuori dall’Isola i sardi spendono 86 milioni di euro. L’Isola attrae prestazioni sanitarie per quasi 22 milioni, ma i pazienti sardi pagano fuori dalla regione circa 86,5 milioni di euro: un saldo negativo moderato con un debito di 64,7 milioni, secondo il report sulla mobilità sanitaria 2021 elaborato dalla Fondazione Gimbe.

Secondo i calcoli ogni sardo spende oltre 50 euro all’anno. Mentre dalla  mobilità attiva entrano nella borsa dei residenti in Sardegna sardi circa dieci euro a testa. Il saldo è negativo: meno quaranta euro pro capite.

C’è poi la questione dei costi sostenuti per gli spostamenti: secondo una ricerca condotta su circa 4 mila cittadini italiani, nel 43% dei casi chi si sposta dalla propria Regione sostiene spese comprese tra i 200 e i mille euro e nel 21% dei casi fra mille i 5 mila. Un’altra ricerca condotta su circa 1.300 pazienti oncologici ha documentato che il 45,1% sostiene spese per mezzi di trasporto (in media 359 euro l’anno) e il 26,7% per l’alloggio lontano dalla propria residenza (in media 227 euro l’anno).

Infine, occorre considerare i costi indiretti, quali assenze dal lavoro di familiari e permessi retribuiti e i costi intangibili che conseguono alla non esigibilità di un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione.


In questo articolo: