Facoltà come uffici di collocamento, i giovani sardi scelgono Economia e Legge

Il solito boom di Medicina, ma prendono quota anche Giurisprudenza ed Economia. Per i neo 18enni vale la regola, non scritta, che “studiare all’Università permette di avere subito un lavoro”. IL VIDEO con le voci degli studenti


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Medicina? Tira sempre, ma all’orizzonte arrivano – meglio, ritornano – Economia e Giurisprudenza. Ma, soprattutto, tra chi si trova vicino al passaggio dai banchi delle superiori alle maxi aule universitarie, prevale una verità assoluta: “Faccio l’università perché così trovo lavoro”. Insomma: questa o quella facoltà sono visti come un trampolino sicuro verso lo stipendio. Camilla, 18enne di Carbonia, è attratta “dagli studi umanistici o giuridici. Medicina? No, non mi interessa”.

Marco, studente al Martini di Cagliari, è sicuro: “Se non studio non posso costruirmi un futuro. Mi incuriosiscono tutte le facoltà, per quanto la mia passione sia la Marina militare”. E, a proposito di lavoro, punta tutto su Economia un 19enne di Dolianova, Piero: “È una facoltà che mi può garantire subito sbocchi lavorativi, e so che studiare questa materia è difficile”. Esami, caccia ai 30 e lode o stipendio in tempi brevi? Questo il bivio davanti al quale si trova Michela, studentessa di Carbonia: “Sono alle Giornate di orientamento giusto per curiosità, io vorrei avere al più presto un’indipendenza economica. Forse, finite le superiori, mi cercherò un lavoro”.


In questo articolo: