Dalle strade alle scuole, 149mila euro per i lavori urgenti di Quartu: “Li svolgerà una ditta esterna”

Il Comune apre il portafoglio, ok a un altro tesoretto per le riparazioni da eseguire sino al 2023. Pochi operai comunali, il Comune a caccia di ditte esterne

Ok dalla Giunta comunale di Quartu Sant’Elena all’accordo quadro per gli interventi di manutenzione del patrimonio edilizio e infrastrutturale valido sino al 2023. Si tratta di 149350 euro, denari che serviranno per riparare palazzi pubblici, strade e anche scuole. Insomma, il patrimonio pubblico della terza città della Sardegna. Come si legge nella delibera, “le attività rivestono carattere di estrema importanza e urgenza”. Strutture e vie considerate “vetuste” e che, anche per colpa dell’ultima ondata di maltempo, versano in uno stato di “ulteriore degrado”. E, siccome gli operai comunali sono pochi, “sia per carenza di figure professionali specializzate, sia per assenza di specifici turni di reperibilità atti ad assicurare la tempestiva esecuzione degli interventi”, l’amministrazione guidata dal sindaco Graziano Milia va a caccia di un “operatore economico esterno che sia in possesso sia delle abilitazioni sia di una struttura tecnico organizzativa”. Insomma, mezzi e operai.

 

Sarà comunque il Comune a dettare i tempi degli interventi. Che, utile ricordarlo, sono considerati dalla stessa amministrazione “urgenti”.


In questo articolo: