Da Sinnai a Serramanna un weekend tra spighe di grano e tradizioni rurali in onore di Sant’Isidoro

Si rinnovano i festeggiamenti per il protettore degli agricoltori e degli animali che, ogni anno, richiama migliaia di persone per rendere omaggio alla festa della terra.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Traccas, gruppi folk, cavalli, galline, capre e i buoi per trainare il Santo per le vie del centro abitato preceduti dalle rappresentazioni di giovani e over che hanno descritto la vita contadina, quella che da secoli è il settore trainante del territorio. Un mondo duro e faticoso, che non conosce orari e giorni di festa ma che consolida lo stretto rapporto tra uomo e natura, quello che, attraverso la lavorazione della terra, regala i beni primari. In origine erano pochi gli strumenti utilizzati, gli animali davano il loro prezioso contributo con la forza nel trainare l’aratro: piccoli e rumorosi trattori hanno, poi, preso il sopravvento per far spazio alle macchine di ultima generazione che agevolano il lavoro degli agricoltori i quali, però, conservano ancora le tecniche e i segreti appresi e tramandati dalle generazioni del passato. Una pratica che interessa la maggior parte dei territori isolani, quelli che oggi sono minacciati da distese di pannelli fotovoltaici e pale eoliche: ecco, così, che Sant’Isidoro ha un richiamo ancora più forte quest’anno, il simbolo al quale si ci affida per la fertilità della terra e per i raccolti abbondanti e prelibati.

Dopo la solenne processione, avvenuta sabato a Sinnai, e ieri a Serramanna, il consueto pranzo in cui, centinaia tra ragazzi e ragazze, si sono ritrovati per concludere i festeggiamenti. Domenica prossima si replica a Villasor: in programma, infatti, la 341^ edizione della festa, la scadenza per le iscrizioni di traccas, cavalli e calessi è stata prorogata sino al 16 maggio.


In questo articolo: