Covid, contagiati sul lavoro: in Sardegna 2650 denunce e 4 morti

I dati sono stati forniti a Radio Casteddu da Alfredo Nicifero direttore regionale Inail che sta promuovendo una campagna di vaccinazioni per baristi e ristoratori: “Così difendiamo aziende e lavoratori per l’estate”

In Sardegna 2 mila e 650 persone hanno preso il Covid sul posto di lavoro. Quattro sono morti. I dati sono stati forniti a Radio Casteddu da Alfredo Nicifero direttore regionale Inail.

L’istituto ora sta promuovendo una campagna di vaccinazioni rivolta ad aziende e dipendenti dei settori maggiormente esposti come ristorazione o servizi alla persona. “L’iniziativa è stata avviata con l’Ats”, spiega Nicifero, “in campo domani due medici e due infermieri in grado di svolgere l’attività vaccinale, presto ci saranno 15 o 16 medici o altrettanti infermieri. Vaccineremo le persone delle servizi alle imprese, ristorazioni, imprese di pulizie e negozi che rischiano il contagio in modo elevato. Baristi e camerieri possono rivolgersi all’Inail per le adesioni per le somministrazioni, l’importante è che scrivano all’istituto e ci dicano quante persone intendono vaccinarsi. L’istituto scende in campo per far fronte  queste esigenze facendosi carico della vocazione turistica della regione. Ma devono essere aziende e lavoratori a sottoporli a vaccinazione, noi non possiamo andare a cercarli”.

Risentite qui l’intervista a Alfredo Niciforo di Jacopo Norfo e Paolo Rapeanu

https://fb.watch/67pvyrg6vh/

e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline


In questo articolo: