Covid, Figliuolo: “A metà luglio saremo al 60% dell’immunità di gregge”

“Quindi il 60% per meta’ luglio dovrebbe avere avuto la prima e la seconda dose”, così a Porta a Porta il commissario per l’emergenza Covid, “un buon risultato, anche se non arriva a quella soglia auspicata dell’80% che noi consideriamo un obiettivo medio da raggiungere a fine settembre”

In Italia è stato raggiunto il target di 500mila vaccinazioni al giorno. L’annuncio arriva dallo stesso commissario straordinario all’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, intervenuto a Porta a Porta. Il generale ha anche assicurato che quando gli over 65 saranno al sicuro verranno meno le classi d’età per vaccinarsi. Inoltre ha confermato il certificato vaccinale per gli spostamenti in Italia, aggiungendo che il green pass europeo si avrà a giugno, ma l’Italia lavora già a un suo pass. 

“Noi consideriamo che per metà luglio saremo al 60% dell’immunità di gregge, quindi il 60% per meta’ luglio dovrebbe avere avuto la prima e la seconda dose”. Ha aggiunto Francesco Paolo Figliuolo.  “È già una buona immunità – ha sottolineato – anche se non arriva a quella auspicata che è dell’80% che noi consideriamo un obiettivo medio da raggiungere a fine settembre, poi vediamo se riusciremo a fare meglio”.  Secondo il commissario “già con il 60% ritengo che si possa passare un’estate abbastanza tranquilla, fermo restando che bisogna continuare a tenere la mascherina, il distanziamento e il lavaggio delle mani”.

Anche l’approvvigionamento prosegue: nei freezer dell’hub nazionale della Difesa costituito all’aeroporto militare di Pratica di Mare, vicino Roma, stanno arrivando altri 2 milioni e mezzo circa di dosi di vaccino anti Covid. Una fornitura, che se sommata ai 2.2 milioni di siero Pfizer del 27 aprile 2021, garantirà alle Regioni la possibilità di mantenere il trend di somministrazioni in crescita richiesto dai target della campagna vaccinale nazionale. (i target Regione per Regione).


In questo articolo: