Piste ciclabili e corsie bus da via Roma a viale Ciusa: “Addio a mille e 500 parcheggi”

Corsie preferenziali e piste ciclabili in viale Sant’Avendrace, viale Trieste, viale Ciusa e via della Pineta. Massidda e Mannino: “Penalizzeranno il già carente numero di posti auto in città”

piste ciclabili

di Ennio Neri

Corsie preferenziali per autobus e piste ciclabili. Nelle zone centrali della città come viale Trieste, via Roma, viale Sant’Avendrace e viale Diaz, fino a via Paoli, via San Benedetto e viale Ciusa. Tutto grazie a un finanziamento da un milione di euro, ottenuto dal Comune di Cagliari per la “mobilità intelligente e sostenibile”. Si tratta in pratica di convincere studenti e impiegati pubblici a utilizzare i mezzi a bassa emissione (bus e bici), rendendo questi competitivi rispetto all’auto, con l’intento di arginare l’eccessivo numero di auto che quotidianamente dall’hinterland e dai rioni periferici si riversa nel cuore della città. Un piano che si avvale di bonus economici e nuove infrastrutture. Anche se questo, denunciano i consiglieri dell’opposizione, potrebbe causare la scomparsa di “mille e 500 parcheggi” dal centro della città.

Il 12 ottobre 2016 è stato pubblicato l’avviso relativo al “Programma Sperimentale Nazionale di Mobilità Sostenibile casa-scuola e casa-lavoro” che prevede il finanziamento di progetti rivolti a città con oltre 100 mila abitanti, diretti all’incentivazione di iniziative di mobilità sostenibile. Così il Comune ha predisposto il progetto assieme a Università degli Studi, Regione, Ctm, Arst e la società Playcar che gestisce il servizio di car sharing per questa Amministrazione. L’obiettivo è quello di realizzare servizi e infrastrutture di mobilità collettiva (pedibus, car pooling, car sharing, bike sharing, ecc). Percorsi protetti per favorire gli spostamenti casa-scuola e casa – lavoro a piedi e o in bicicletta, tra cui le corsie ciclabili e le zone 30. Poi programmi di formazione e educazione di sicurezza stradale e di guida ecologica e cessione a titolo gratuito di “buoni mobilità” e/o concessione di agevolazioni tariffarie relative a servizi pubblici o di incentivi monetari ai lavoratori e agli studenti che usano mezzi di trasporto a basse emissioni rispettivamente nel tragitto casa-lavoro e casa-scuola e università.

Ad agosto il progetto è stato finanziato (un milione di euro dal Governo e altre 800 mila circa li metterà il Comune). Le corsie preferenziali sono state individuate in viale Sant’Avendrace, viale Trieste, via XX settembre, via Sonnino, via Paoli, via San Benedetto, viale Marconi, via Bacaredda e viale Ciusa, viale Diaz (dalla Fiera a Bonaria) e via della Pineta. E poi le piste ciclabili: via Dante, via Roma, viale Trieste e via San Lucifero.

Piergiorgio Massidda e Pierluigi Mannino, #Cagliari16, secondo cui il progetto “penalizza ulteriormente il già carente numero di parcheggi in varie zone della città”, hanno chiesto in un’interrogazione rivolta a sindaco e giunta “come rimediare al taglio di mille e 500 parcheggi”.