Per cinema, discoteche, palestre e piscine resta il super green pass

Ancora un mese di controllo rafforzato nei luoghi al chiuso dove i contatti sono più frequenti e dove si rischia più assembramento, compresi piscine, teatri e palazzetti sportivi. Obbligo di pass rafforzato fino al primo maggio anche per accedere a convegni, feste e cerimonie

L’ultimo baluardo del green pass rafforzato? Nei cinema, in discoteca, nelle palestre e nelle piscine. Per tutto aprile, infatti, a fronte di un allentamento generale delle regole che è preludio all’addio alle restrizioni previsto per maggio, per andare in discoteca o in palestra, ma anche in piscina o a una cerimonia religiosa bisognerà ancora essere in possesso del super green pass (tre dosi di vaccino o due dosi e guarigione dal Covid). Dunque, in generale nei posti dove il rischio assembramento è più alto, per un altro mese resta com’è: fino al 30 aprile, per assistere agli spettacoli in cinema, teatri e sale da concerto al chiuso sarà ancora necessario il green pass rafforzato e indossare le mascherine Ffp2. Stesso obbligo per l’ingresso nelle discoteche e nelle sale da ballo, dove basterà la mascherina chirurgica che potrà però, quasi paradossalmente, essere tolta in pista). E se per entrare allo stadio e per assistere alle competizioni sportive all’aperto basteranno green pass base e mascherina chirurgica, al chiuso restano sempre obbligatori green pass rafforzato e mascherine Ffp2. La capienza sarà al 100%.
Nessun allentamento, ancora, per piscine e palestre al chiuso: almeno fino al 30 aprile per entrare in questi luoghi sarà necessario, ancora per un altro mese, possedere il green pass rafforzato.
Ancora per tutto aprile il green pass rafforzato sarà necessario per partecipare a convegni e congressi e a feste e cerimonie civili e religiose. Stesso obbligo per i centri culturali, sociali e ricreativi. Infine, pass rafforzato fino al primo maggio anche per entrare in sale da gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò.


In questo articolo: