“Ci tassano sull’energia, ma per le elezioni tolgono il canone Rai a noi 75enni…”

Lo sfogo di Marcello Roberto Marchi: “I “vecchi” della Sardegna, si troveranno sulla groppa il bel regalo che l’ENEL e tutte le altre aziende fornitrici  di energia ci dovrebbero fare nei prossimi mesi, con il consenso del Governo: per farci pagare in più i costi dell’energia non pagata dai morosi”

L’iniziativa di Mauro Pili sull’argomento energia è cosa saggia ma, la via della giustizia amministrativa e  civile è lunga e ardua. Non solo i ” Sardi ” dovrebbero sottoscrivere l’iniziativa di Pili ma tutti i cittadini italiani che hanno un contratto di luce e di gas che si vedono mettere le mani in tasca in maniera così disinvolta soprattutto perchè mancano i dovuti controllo da parte di chi ci governa e che non dovrebbe consentire alle cosiddette ” autorità indipendenti” di fare il bello e il cattivo tempo. Manca la ” Politica “, quella con la ” P ” maiuscola e che dovrebbe stare dalla parte dei cittadini onesti. Così come manca la presenza del Governo, che finora non ha detto una parola.

Con la sorpresa generale il Presidente del Consiglio Gentiloni è entrato a gamba tesa nella campagna elettorale cercando  di accaparrarsi voti promettendo il taglio del canone RAI  agli ultrasettantacinquenni che si trovano in condizioni disagiate. Cosa saggia, all’apparenza, almeno per il momento storico nel quale ha dato l’annuncio  in piena campagna elettorale. I “vecchi” della Sardegna, invece,  e come noi anche quelli del resto d’Italia, così come tutti gli utenti di energia elettrica e gas ci troveremo sulla groppa il bel regalo che l’ENEL e tutte le altre aziende fornitrici  di energia ci dovrebbero fare nei prossimi mesi , con il consenso del Governo : per farci pagare in più i costi dell’energia non pagata dai morosi.

 Altro che canone RAI !!! Su questo, però, nè Gentiloni tanto meno i suoi sponsor politici hanno detto una parola. Mosca !!! Meglio tacere !!!


In questo articolo: