“Mio figlio operato al Santissima Trinità, per la visita di controllo costretta ad andare dal privato”

Lo sfogo di una mamma cagliaritana “Con i tagli alla sanità stiamo finendo come negli Usa che solo chi ha soldi può curarsi”

Lo sfogo di Roberta M., una mamma 38enne cagliaritana, che in una lettera aperta alla rubrica l’Angolo dei Lettori di Cagliari online segnala un’ingiustizia dovuta a suo dire ai tagli alla sanità.

“Sono mamma di un bimbo di 5 anni che a marzo del 2017 ha subito un intervento di adenectomia e tonsillectomia al Santissima Trinità a Cagliari. Oggi a distanza di un anno dovrebbe eseguire una visita di controllo. Mi sono sentita rispondere che nel reparto di otorinolaringoiatria non si fanno più  visite programmate”.

Morale della favola deve rivolgersi a un privato.  “Ovviamente l’ho contattato e la visita di base mi è stata assegnata subito,  pagando 60 euro. Mi sembra assurdo però che non visitino i pazienti operati in ospedale. Nulla da dire contro il reparto, sono stati bravissimi, ma a causa dei tagli alla sanità e alla mancanza di sostituzione dei medici che vanno in pensione sta succedendo questo.  Se continuiamo così credo che la finiremo peggio che negli USA dove solo chi ha i soldi può permettersi di essere curato”.