Castiadas, mare salato per i non residenti: 10 euro al giorno per il parcheggio

Gli abbonamenti agevolati? Solo per residenti, 20 euro per tutta l’estate, e lavoratori, 25 euro al mese. Cento euro mensili per chi alloggia in hotel e b&b. Per tutti gli altri, da Santa Giusta a Cala Sinzias e da Cala Pira a Sant’Elmo scatta il salasso. Un esempio? Da luglio all’11 settembre dieci euro al giorno per il parcheggio, il Comune: “Si può pagare anche con l’App o il bancomat”

I prezzi per lasciare l’auto nei parcheggi a poca distanza dalle spiagge di Castiadas? Convenienti, e tanto, per i residenti, i lavoratori con regolare contratto firmato in città e i turisti che alloggiano nelle strutture cittadine, meno per chi arriva da fuori. Il Comune guidato dal sindaco Enrico Murgioni ha già stabilito le tariffe per l’estate 2022. Eccole: dal primo al trenta giugno otto euro per lasciare l’auto sino a dodici ore, da luglio sino a quasi metà settembre si sale a dieci (6 euro per mezza giornata, cioè per massimo sei ore), e sino al trentuno ottobre bisogna fare uscire dal portafoglio otto euro. Prezzi leggermente minori per le moto: si va 5 euro per tutto giugno allo stesso tanto dall’undici settembre a fine ottobre, nel mezzo ci sono luglio e agosto, dove bisogna pagare 7 euro al giorno per prendersi la tintarella e fare un bagno a Santa Giusta, Sant’Elmo, Monte Turnu, Cala Marina, Cala Sinzias e Cala Pira. E per chi ha un camper o un pullman il salasso è molto elevato: 20 euro al giorno sino al trenta giugno, trenta a luglio e agosto e dieci a settembre e 15 a novembre. Il Comune, inoltre, ha comunicato che si potrà pagare “anche con l’App dedicata o il bancomat”. Insomma, se ci si mette anche il costo della benzina, necessaria per arrivare sino alle perle marine di Castiadas, si può davvero dire che il mare sarà salato, per molti.

 

 

 

Discorso diverso per chi vive, lavora o alloggia a Castiadas. Abbonamenti a venti euro per tutta l’estate per i residenti, i lavoratori se la cavano con 25 euro al mese e gli ospiti delle strutture ricettive, strutture agrituristiche, agricampeggi, strutture di turismo rurale e abbonati degli stabilimenti balneari devono dire addio solo a 5 euro al giorno, cento al mese o trenta euro alla settimana. L’unica salvezza, ma che appare davvero poca roba? Sosta gratuita in tutti i parcheggi pubblici a pagamento dalle 13 alle 14:30. Giusto il tempo di quattro bracciate in mare, avvolgersi nell’asciugamano, scattarsi due selfie e poi, se non si vuole pagare, riaccendere il motore dell’auto o dello scooter e andarsene.

 

 

 


In questo articolo: